ARPAnet : la fase sperimentale

B.B.N.
Bolt Beranek e Newman

Il progetto stilato da Larry Roberts  (paragrafo – Primi collegamenti) si basava proprio sulla tecnologia della “commutazione a pacchetto” e venne approvato nel giugno del 1968.
Nell’aprile del 1969 l’ARPA stipulò un contratto con la B.B.N. (Bolt, Beranek e Newman), un’impresa di ricerca e sviluppo di Cambridge, nel Massachusetts, per la realizzazione di ARPANET, un sistema di telecomunicazioni, che doveva risultare stabile e sicuro anche in caso di guerra.

La BBN sviluppò apposite apparecchiature per la prima sperimentazione del progetto, gli I.M.P. (Interface Message Processors) che dovevano gestire il traffico dei dati provenienti da altri elaboratori.

Il primo trasferimento di dati su Arpanet ebbe luogo il 29 ottobre 1969, tramite il collegamento tra un elaboratore del laboratorio dell’università di Los Angeles (U.C.L.A. – University of California Los Angeles) e un calcolatore collocato allo Stanford Research Institute (SRI – Istituto di ricerca di Standford) di Palo Alto, nella zona di San Francisco.

Con il primo messaggio spedito però il sistema si bloccò. Il problema fu prontamente risolto e il collegamento tra UCLA e SRI divenne operativo pochi giorni dopo.

 

Espansione della Rete Internet

Arpanet1969
Primi collegamenti di Arpanet

La crescita della rete fu rapida. Dai primi due nodi del primo esperimento si passò subito a quattro, aggiungendo le università di Santa Barbara e dello Utah che furono collegate alla fine del 1969. Nel mese di marzo del 1970 fu collegato un IMP presso la sede di BBN; così la rete raggiunse la costa atlantica degli Stati Uniti.
Nel 1970  gli IMP erano diventati 13.

arpanet 1971
Arpanet nel 1971

Il numero degli elaboratori collegati alla rete crebbe sempre di più negli anni successivi sino ad arrivare a collegare anche il continente europeo.

L’importanza di Arpanet era ormai evidente agli occhi di tutti gli esperti di telecomunicazioni e d’informatica del mondo.
I Paesi più avanzati iniziarono a sviluppare programmi nazionali per sperimentare questa nuova tecnologia e per collegarsi alla “Grande Rete”.

 

Queste nozioni sono state estratte da:
Com’è nato il web Autori: J.Gilles, R.Caillau – Editore: Baldini & Castoldi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...